La Famiglia Tradizionale

La Famiglia di Oggi

La Famiglia Tradizionale

Significato di Famiglia ed etimologia della parola. Definzione e sua evoluzione ad oggi

La Famiglia Tradizionale

Oggi, tempo di separazioni e scioglimenti di matrimoni, parleremo di un argomento tanto attuale e molto caro ai più: la famiglia tradizionale.

In questo articolo partiremo dal concetto di Famiglia Tradizionale come veniva inteso nell'antichità ai tempi dei Greci, del suo etimo antico derivante dalla popolazione italica e dell'influsso della Chiesa Cattolica  e dell'istituzione del Matrimonio nel suo divenire, che e' diverso pero' a seconda delle altre grandi religioni monoteiste.

Questa forma di famiglia fondata sul matrimonio in chiesa resiste ancora alle nuove mode e a tutte le altre aggregazioni familiari moderne come le unioni civili e le convivenze, dette anche coppie di fatto.

Un capisaldo su cui si fonda la società e che oggi e' messa a dura prova dalla piaga del divorzio e delle separazioni.

Origine del concetto di Famiglia

Il pensiero del filosofo Aristotele descrive la famiglia come un nucleo di persone atto a garantire il proseguimento del genere umano.

Questo concetto ha determinato notevoli influenze sull'umanità, in particolar modo su quella occidentale, la quale vede da sempre la famiglia tradizionale come un insieme di persone composto da due adulti di sesso opposto, capaci di procreare dei figli, considerati il completamento della famiglia stessa e la garanzia per il futuro del genere umano.

Etimologia della parola famiglia

Il significato comune del termine famiglia tradizionale riconosce in essa un nucleo all'interno della società composto da genitori e figli conviventi.

  • Con il passare del tempo, la famiglia ha allargato nuovamente i suoi orizzonti includendo all'interno di essa anche alcuni parenti, quali i nonni ormai in età avanzata che vanno a vivere insieme ai propri figli, oppure generi o nuore che convivono con il coniuge ed i suoceri.
  • Il vocabolo famiglia deriva dal termine "faama" = "casa", utilizzato da un'antica popolazione italica originaria della zona conosciuta oggi come Campania ed utilizzato anche nel latino con il termine "famīlia", il quale indicava un insieme di persone conviventi collegate da vincoli di sangue o legati dal matrimonio.

Il ruolo e importanza della religione cristiana in questo modello di famiglia tradizionale rispetto ad altri modelli culturali

La religione cristiana cattolica basa i fondamenti della famiglia, prendendo come modello quello della Santa Famiglia di Nazareth. Secondo la Chiesa Cattolica, la famiglia tradizionale è una società che fonda le sue basi con il sacramento del matrimonio tra un uomo ed una donna.

Il pensiero religioso dovrebbe essere, secondo la Chiesa, trasmesso all'interno del nucleo familiare dai genitori ai figli, ma sempre più spesso questo non accade. La religione islamica invece, a differenza di quella cattolica, impone alle famiglie la divulgazione del pensiero religioso.

In Cina la famiglia si basa sul vincolo di parentela padre-figlio, imponendo alla prole il mantenimento dei genitori al raggiungimento di una certa età.

  • La famiglia tradizionale assume significati differenti secondo la cultura del luogo e, nonostante si basi sempre sull'idea di un insieme di persone conviventi, spesso la si concepisce con sfumature di pensiero anche contrastanti.

Significato profondo di amore aldila' di un contratto umano alla base di una famiglia intesa in senso tradizionale

Se si chiedesse di esprimere il concetto di famiglia ad un gruppo di bambini, questi sicuramente lo descriverebbero con un solo termine: amore. Questa parola racchiude in sé tutte le sfumature presenti in una famiglia, sia essa occidentale, orientale, religiosa oppure atea.

Il dizionario di lingua italiana sotto il termine amore cita le seguenti parole "sentimento di vivo affetto verso una persona" sia essa il marito, la moglie, la madre, il padre o i figli.

Il legame che unisce le persone conviventi è quello dell'amore reciproco, sia esso verbalizzato dal contratto matrimoniale oppure no.

La famiglia tradizionale in senso stretto non può essere vincolata ad un contratto in forma scritta, poiché questa deve necessariamente porre le sue fondamenta sul rispetto reciproco ed il mantenimento volontario e non dalla minaccia di conseguenze in seguito ad un eventuale proscioglimento del contratto firmato.

La Famiglia Tradizionale

Un modello di famiglia che stenta a scomparire nonostante la modernità dei tempi

Trasformazione e forme moderne di famiglia considerate non tradizionali: la famiglia di oggi

  • Negli ultimi anni la cultura occidentale ha aperto una finestra di dialogo sulle famiglie considerate non tradizionali.
  • Questa tipologia di famiglia per molti anni è rimasta nascosta dietro a troppi tabù e paure, derivate dal pensiero conservatore della società.
  • Oggi in alcuni Stati occidentali è previsto il contratto di matrimonio tra due persone dello stesso sesso.

L'amore tra due persone è un sentimento importante che deve essere rispettato e riconosciuto da tutti, ma la differenza tra famiglia tradizionale e famiglia non tradizionale sta nell'impossibilità della famiglia costituita da due persone adulte dello stesso sesso di procreare.

Questa difficoltà riprende il concetto espresso da Aristotele, secondo il quale la famiglia debba garantire la prosecuzione del genere umano.

Sempre più di frequente si utilizzano termini in maniera errata; diversi problemi di comunicazione potrebbero risolversi semplicemente chiarendo alcuni concetti che dovrebbero essere accettati da tutti.

Se la famiglia tradizionale rappresenta l'idea espressa da Aristotele, quella non tradizionale la si potrebbe chiamare con un termine nuovo oppure dimenticare gli stereotipi obsoleti ed accettare come famiglia oltre a quella non tradizionale anche quella, molto comune nella società odierna, costituita da una coppia convivente eterosessuale senza figli.

Significato universale di famiglia come nucleo di persone che si vogliono bene: famiglia tradizionale e famiglia moderna

  • Ogni gruppo di persone conviventi unito dall'amore rappresenta una famiglia di fatto e non dovrebbe essere screditato o denigrato dal semplice fatto di non avere figli o di non poterne avere.
  • Il nucleo familiare dovrebbe essere al centro della società, un insieme ristretto di persone che si amano e si rispettano reciprocamente, che curano i bisogni gli uni degli altri e che garantiscano il mantenimento, l'educazione e la crescita dei figli, quando presenti.
  • La società è essa stessa un insieme di persone, molto più ampio della famiglia, ma con alcune caratteristiche simili.

Come nella famiglia, anche nella società esistono delle regole da rispettare, dei confini da non superare proprio nel rispetto gli uni degli altri.

Se la società vien definita bella poiché varia, perché invece la famiglia deve essere categorizzata secondo standard restrittivi ed arcaici?
Nel sistema economico contadino coincidono il gruppo considerato riproduttivo e quello considerato di sviluppo economico in un unico nucleo, quello familiare.

In questa realtà il pensiero di Aristotele si fonda con quello societario.

La società funziona se la famiglia è ben organizzata e segue le regole.

Il modello di famiglia tradizionale e' rimasto quello patriarcale

Il modello maggiormente riconosciuto in Europa di famiglia contadina è quello patriarcale, ove tutti i membri devono sottostare alle decisioni del capofamiglia. La famiglia patriarcale è una famiglia allargata, composta dai genitori ed i loro figli e dai parenti più prossimi.

Si basa quasi sempre sul Matrimonio Cattolico.

La famiglia subisce nei secoli varie influenze e muta affermando la sua identità nucleare (genitori e figli).

Il tempo apporta anche altri cambiamenti al suo interno, facendo diminuire notevolmente il numero dei figli procreati, che cambia da circa sei a massimo due per nucleo familiare.

Il 1975 sancisce la parità dei sessi tra uomo e donna e porta le madri verso nuovi orizzonti lavorativi. Tutti questi cambiamenti mutano i precedenti equilibri, anche in virtù della nuova legge istituita nel 1970 a favore del divorzio.

Se prima l'unione matrimoniale era concepita come un vincolo sacro ed indissolubile, la modernità porta in esso notevole instabilità.

La società non si prende piu' cura della famiglia che e' invece pilastro della comunità

I cambiamenti non sempre hanno giovato alla famiglia, anche se per alcuni aspetti erano necessari.

La società di oggi non si prende cura della famiglia e delle sue necessità, ma tende a spostare la sua attenzione su cose futili.

Oggi è raro poter osservare una famiglia felice nata da un rapporto d'amore tra due persone, che hanno procreato e sono rimasti fedeli negli anni rispettando il coniuge anche senza sacramento del matrimonio uniti come coppia di fatto.

  • Il prototipo di famiglia maggiormente presente in questo periodo storico è quello composto da famiglie moderne, costituite da membri di una o più famiglie tradizionali d'origine disgiunte dal divorzio.
  • Questa instabilità grava principalmente sui figli, infatti l'attenzione dei genitori verso la loro crescita tende ad essere scarsa ed errata, con conseguente crollo del sistema famiglia e della futura società. Pensiamo al fenomeno moderno delle famiglie allargate e della loro diversità anni luce dal prototipo di tipo tradizionale.

Bisognerebbe partire dal ristabilire il rispetto prima di ogni altra cosa per se stessi e gli altri membri della famiglia, un semplice passo che potrebbe cambiare tante cose in una società narcisista e vuota d'animo. Un modello di famiglia in solo in apparenza simile a quello del passato può sembrare quella del Mulino Bianco.